Go to Top
Revolution Slider Plugin has been detected! Please deactivate this Plugin to prevent themecrashes and failures!

ARBITRO BANCARIO E FINANZIARIO

L’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione delle controversie che riguardano operazioni e servizi bancari e finanziari, rappresenta un’alternativa più semplice, rapida ed economica rispetto al ricorso al giudice, che spesso invece comporta procedure complesse e anche molto lunghe. Il cliente può rivolgersi all’Arbitro solo dopo aver tentato di risolvere il problema direttamente con la banca o l’intermediario, presentando un reclamo.Le decisioni dell’Arbitro non sono vincolanti come quelle del giudice ma se l’intermediario non le rispetta il suo inadempimento è reso pubblico. Se il cliente non rimane soddisfatto neanche delle decisioni dell’Arbitro, può comunque rivolgersi al giudice. La creazione dell’Arbitro Bancario Finanziario è prevista dall’articolo 128-bis del Testo unico bancario (TUB), introdotto dalla legge sul risparmio (legge n. 262/2005). Secondo questa norma, le banche e gli altri intermediari finanziari sono obbligati ad aderire a sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie con la clientela.

 

Il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio (CICR) – che opera presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze – con una Delibera del 29 luglio 2008, ha stabilito i criteri per lo svolgimento delle procedure di risoluzione delle controversie e ha affidato alla Banca d’Italia il compito di curarne l’organizzazione e il funzionamento. La Banca d’Italia ha adottato il 18 giugno 2009 le disposizioni di attuazione della Delibera del CICR, che sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, del 24 giugno 2009.

 

L’Arbitro Bancario Finanziario è composto da un Organo decidente e da una Segreteria tecnica. L’Organo decidente è articolato sul territorio nazionale in tre Collegi: uno a Milano, uno a Roma e uno a Napoli.

 

In ciascun Collegio l’Organo decidente è composto da cinque membri:

  • il Presidente e due membri sono scelti dalla Banca d’Italia
  • un membro è designato dalle associazioni degli intermediari
  • un membro è designato dalle associazioni che rappresentano i clienti (imprese e consumatori).

Per maggiori informazioni vai al sito web www.arbitrobancariofinanziario.it

Scarica la guida pratica sull’Arbitro Bancario Finanziario

Scarica l’avviso per gli utenti dell’Arbitrato Bancario Finanziario